Airbnb, vacanze social e low cost

Airbnb, vacanze social e low cost

Posted by

L’idea è venuta nel 2007 a tre studenti di San Francisco, Joe Gebbia e i suoi coinquilini Nathan Blecharczyk e Brian Chesky che, per tirare su qualche soldo, hanno deciso di affittare tre air-bed’n breakfast (materassini gonfiabili con colazione) a soli 5 euro l’uno oltre alla loro accoglienza e disponibilità. Ed è così che, dal nulla, i tre ragazzi hanno intrapreso una nuova rotta per cambiare il modo di far viaggiare le persone: Airbnb.

airbnb

Un fenomeno che manco a dirlo a preso piede e sta contagiando viaggiatori su viaggiatori, allettati dalla possibilità di spendere fino al 60% in meno rispetto a quello che si spenderebbe nelle strutture ricettive. In Italia, Airbnb si è diffuso, ottenendo un grande successo, solo lo scorso anno con 18 mila annunci per affittare casa, un giro d’affari di 5,2 milioni di euro e una crescita del 900% in un anno.

Si tratta di una marketplace per l’affitto di spazi abitativi, una community dov’è possibile prendere o mettere in affitto una casa, una stanza, un parcheggio o semplicemente un divano in tutto il mondo. Come? Basta andare sul sito Airbnb e inserire la destinazione, eventualmente anche il periodo e il numero di persone, per accedere a tutte le offerte.

Perché prenotare con Airbnb? Beh, oltre al fatto che sono disponibili spazi per tutti i gusti e per tutte le tasche nella maggior parte dei paesi del mondo, si può visitare un posto vivendolo da locali anziché da turisti. Inoltre, spesso e volentieri gli ospitanti si offrono come ciceroni della città e, perché no, si possono stringere anche sincere amicizie. In più, per i più “timorosi”, il centro assistenza sarà a disposizione 24 ore su 24 per aiutare gli ospiti Airbnb in caso di imprevisti.

La formula ideata dai fondatori prevede, oltre la possibilità di consultare anche quella di pubblicare i propri annunci in maniera veloce e intuitiva seguendo tre semplici tappe:

1. Bisogna registrasi sul sito. Lo si può fare tramite Facebook o con il proprio account email.

2. Andare alla sezione pubblica annuncio. Selezionare lo spazio da affittare (che può essere un appartamento, una capanna, un loft, un’isola, un parcheggio, una villa, una tenda, un castello ecc.); il numero di posti letto; fare una descrizione dei locali e completare il form con alcuni dati personali.

3. Inserire le fotografie (Airbnb mette anche a disposizione un fotografo professionista gratuitamente).

Perché conviene affittare su Airbnb? Innanzitutto, si può scegliere chi ricevere e chi no: basterà controllare i profili, le recensioni e le segnalazioni o per determinare chi sarà il prossimo ospite. Lo si può addirittura contattare via email e fargli delle domande (nella sezione faq del sito ci sono alcuni esempi); si ha completa libertà sulle tariffe e sui termini di cancellazione; quando si accetta una prenotazione tramite Airbnb la proprietà è coperta per furti o atti vandalici causati da un ospite Airbnb fino a 35.000 euro con la Garanzia Proprietari Airbnb e se le cose non dovessero andare come previsto basterà chiamare il callcenter di assistenza attivo 24 ore su 24 (i numeri sono 1-855-424-7262, +39-06-99366533 ).

Una nuova formula, dunque che ha permesso, e permette a molti vacanze altrimenti troppo costose in quanto il viaggio low cost non si limita al tragitto da compiere per giungere nelle mete di vacanza, ma anche nell’alloggio.

http://www.bollettinoturistico.it

Lascia un commento